Le forme di comunicazione
18 novembre 2013
I Benefici della Ginnastica ZEN
7 giugno 2014

Chinesiologia – La Scienza del Movimento

Sono chinesiologo e dottore in scienze motorie. Amo la chinesiologia e la studio da 25 anni.

La chinesiologia è ancora un termine ed una figura professionale poco conosciuta in Italia.

Desidero farti conoscere questa scienza che permette di ottenere benessere salute e positività tramite il movimento.

La chinesiologia è una scienza che tratta lo studio del movimento umano in tutte le sue forme. E’ un’attività che viene, svolta in palestra, e in centri specializzati oltre che in alcune strutture sanitarie. Oggigiorno si assiste ad una evoluzione della stessa disciplina, in quanto molti professionisti del settore motorio gestiscono o lavorano in studi privati.

L’esercizio fisico è un’ottima “medicina” che ha pochissime controindicazioni . La chinesiologia dunque aiuta a migliorare lo stato e la progressione di alucne malattia tipo cardiopatie, patologie polmonari, ipertensione, diabete, problematiche legate al metabolismo e anche la sclerosi multipla.

I campi di applicazione e le potenzialità della chinesiologia sono vaste, abbracciando l’indirizzo educativo (educazione fisica nelle scuole, anche per portatori di handicap), preventivo (correzione posturale, recupero per la terza età indicata soprattutto per la degenerazione fisiologica articolare, ottimizzazione dei gesti tipici del fitness), formativo e/o conservativo (attività per le patologie vertebrali adolescenziali), sportivo (preparazione ed ottimizzazione del gesto atletico, allenamento specifico, ecc.), rieducativo (recupero funzionale, algie, post-chirurgica ecc…).

I DUE FINI PRINCIPALI DELLA CHINESIOLOGIA
(Il fine biologico e il fine di carattere formativo)

Nei fini biologici della chinesiologia rientrano:
• il fine igienico per il miglioramento e il mantenimento di condizioni non patologiche;

• il fine profilattico e correttivo per prevenire i paramorfismi e i dimorfismi e certe disarmonie morfologiche e funzionali, assicurandone la reversibilità;

• il fine compensativo e di recupero funzionale per compensare situazioni psichiche e fisiche dovute alla vita sedentaria, malsana.

• il fine mirante al possesso dell’efficienza motoria (dove vengono prese in considerazione le; caratteristiche di “destrezza”, di “velocità”, di “resistenza”, di “forza”, di “agilità”, di “elevazione, di “tempestività e sensibilità ritmica”, di “prontezza”, di “senso dell’orientamento motorio”, di “equilibrio”, di“coordinazione motoria”

• il fine estetico per la forma atletica del corpo e l’armonia delle masse muscolari.

Nei fini di carattere prevalentemente formativo della chinesiologia rientrano:
• il fine abilitativo per migliorare le abilità tecnico-pratiche del movimento nell’ambito della vita di relazione

• il fine espressivo per dare valore agli stati d’animo;

• il fine intellettuale per ravvivare le facoltà intellettuali e migliorare le operazioni mentali nella progettazione del movimento

• il fine utilitario per migliorare il gesto “utile” al raggiungimento di un obiettivo;

• il fine economico inteso come razionalizzazione delle proprie forze;

• il fine sociale attraverso il gioco collettivo;

• il fine ricreativo, per ristorare fisicamente e spiritualmente il corpo.

LA MIA VISIONE DELLA CHINESIOLOGIA

Nella mia visione alla base dell’approccio chinesiologico alla salute c’è una visione globale dell’uomo il cui equilibrio è regolato da tre fattori fondamentali: struttura (articolazioni, muscoli, legamenti, tendini), biochimica (alimentazione e ambiente) e psiche (stati d’animo).

Nella mia proposta della chinesiologia ho strutturato un programma dal nome: WELL BACK METHOD dove ancora maggiore attenzione viene posta alle modalità esecutive degli esercizi e alle risposte che gli stessi creano nel praticante.
Ritengo inoltre che le scienze e tecniche dell’ attività motoria chinesiologica possano essere rivolte a tre categorie di soggetti:

• soggetti normali, che rientrano nell’ambito di una educazione motoria intesa in senso lato: cioè in senso educativo-profilattico, educativo-ludico-sportivo, ecc.;

• sui soggetti paranormali, che rientrano nell’ambito di una educazione motoria che, per abitudine ormai inveterata, va sotto il nome di «correttiva» ma che sarebbe più consono definire rieducazione motoria (o attività compensativa. N/);

• sui soggetti affetti da forme patologiche, abbisognevoli quindi di una “terapia chinesiologica” operante in proprio o interagente con altre forme di terapia.

L’obiettivo educativo specifico della chinesiologia è rivolto allo sviluppo, alla evoluzione, all’arricchimento del motorio di una persona. Per un corretto ed efficace uso e controllo del suo patrimonio cinetico. In seconda istanza, come obiettivo generale c’è il raggiungimento dell’omeostasi psico-fisica.

Da questo breve elenco si evince quante siano le possibilità della chinesiologia per essere di aiuto reale al benessere delle persone se applicata da esperti operatori qualificati.

 

Chinesiologia

PARAMORFISMO e CHINESIOLOGIA

Altro interessante aspetto che la chinesiologia può apportare è la “cura” dei paramorfismi.

Gli atteggiamenti posturali scorretti ma anche l’approccio stato dinamico inducono il corpo ad alterare le immagini corporee e a rompere le coordinate motorie deputate al mantenimento dell’ergonomia e dell’equilibrio del corpo.

Si entra così nel versante paramorfico dove la postura scorretta primeggia nei soggetti .

Le forme paramorfiche sono innumerevoli e possono avere genesi muscolare, psicomotorie, vestibolari motorie e possono scaturire anche dai vissuti (vissuto ambientale, culturale, personale, emotivo, ecc.).

La chinesiologia attraverso metodi educativi e affinamento del motorio personale avrà un approccio diverso a seconda della genesi del paramorfismo.

Se di origine muscolare potenzierà il muscolo e le sinergie muscolari .

Se di origine psicomotoria l’approccio della chinesiologia sarà volto a rinforzare gli aspetti comunicativi e relazionali, a riorganizzare gli aspetti psicomotori per agire nei confronti dello spazio e del tempo, a progettare l’azione valutando i significati percettivi, coordinativi, strategici, espressivi, emotivi.

Inoltre, attraverso il counseling e l’ affinamento del motorio personale, si coinvolge l’area psicologica con la conoscenza di sé, la coscienza di sé, il controllo di sé, la comunicazione, la percezione di se e del mondo, ecc.


CHINESIOLOGIA EQUIVALE A:
MOTILITÀ, MOTRICITÀ, MOTORIO, PSICOMOTRICITÀ E PSICOMOTORIO.

• La motilità esprime la capacità di muoversi,

• La motricità è la funzione che assicura i movimenti del corpo, generata e coordinata dall’apparato neuro-muscolare,).

• Il motorio della persona è la manifestazione del movimento ad opera della funzione chinesiologica dovuta ai motori muscolari

• La psicomotricità, nella persona, promuove lo sviluppo di strumenti motori, sensoriali, cognitivi, comunicativi per raggiungere una certa autonomia e socializzazione e rimuovere gli ostacoli che limitano l’integrazione della persona con l’ambiente.

• L’ educazione psico-motoria, nella persona, promuove lo sviluppo dell’apprendimento motorio per raggiungere il controllo e la precisione del movimento volontario sia esso educativo, compensativo, adattato, giocoso, sportivo e rimuovere gli ostacoli che limitano la prestazione.

Pensate a quale mondo quasi infinito apre la porte la chinesiologia.

Caro lettore non mi resta che salutarti e invitarti a cercare nella chinesiologia la differenza che fa la differenza.

David Cardano – Esperto in Chinesiologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy