Empatia: Imparare a Svilupparla e Come Usarla

insicurezza
Insicurezza: Come Superare le Tue Paure
17 giugno 2018
Linguaggio corporale
Quando il viso è lo specchio delle emozioni
23 giugno 2018

Empatia: Imparare a Svilupparla e Come Usarla

Empatia

L’empatia è una delle abilità sociali di maggior successo e che in misura maggiore garantisce una prestazione adeguata nelle situazioni interpersonali. Impara come svilupparla e metterla in pratica.

Che cos’è l’empatia?

L’empatia è una capacità che ci aiuta a comprendere i sentimenti degli altri, facilitando anche la comprensione delle ragioni del loro comportamento e che ci consente di prevenire importanti conflitti. Tuttavia, molte persone presentano livelli eccessivamente bassi (in casi patologici possono essere inesistenti) di questa capacità.

La parola empatia deriva dal termine greco Empháteia (sentire affetto dentro), ma sarà solo alla fine del XVIII secolo che, dal termine tedesco EinFülung (sentirsi dentro di), la parola assumerà il suo significato come lo intendiamo oggi.

Profilo di una persona con empatia

Le persone empatiche ottengono grandi benefici di natura sociale grazie alla loro abilità, perché fanno sentire gli altri capiti, ascoltati ed emotivamente compresi.

Il profilo delle persone empatiche può essere riassunto così:

  • Presentano un’alta sensibilità sociale: si preoccupano dei problemi e dei sentimenti degli altri.

  • Catturano la comunicazione non verbale degli altri: possono leggere nei gesti e nel tono della voce gli stati emotivi dei loro simili

  • Sanno come dare un feedback sociale: sono in grado di mostrare agli altri di aver capito i loro sentimenti.

  • Sono rispettosi: sanno come accettare i sentimenti e i comportamenti degli altri, indipendentemente dal fatto che li approvino.

  • Sono ottimi nel saper ascoltare le persone, otre che bravi oratori.

  • Rispettano o comprendono le ragioni del comportamento degli altri.

Come sviluppare l’empatia

Come il resto delle abilità sociali, l’empatia può anche essere acquisita e sviluppata nel corso della nostra vita (ad eccezione delle persone che presentano patologie che ne impediscono lo sviluppo).

La cosa più consigliabile sarebbe che tu vada da uno psicoterapeuta che ti aiuti nel raggiungere l’obbiettivo, dopo aver valutato quali competenze hai e cosa devi ancora acquisire. Ma mentre decidi se richiedere l’aiuto di uno specialista, puoi allenarti seguendo questi consigli per sviluppare l’empatia:

  • Impara ad ascoltare ciò che gli altri dicono senza parole: saper interpretare la comunicazione non verbale degli altri è uno strumento fondamentale per comprendere i loro stati emotivi. Oltre a corsi specifici dedicati all’argomento, ci sono interessanti manuali autodidattici che serviranno come primo approccio al tema.

  • Usa la tecnica delle tre colonne: quando affronti una situazione conflittuale, una discussione, ecc., Annota quella situazione (cosa è successo), qual è la tua opinione a riguardo e qual è l’opinione o la posizione dell’altra persona. Anche se hai la situazione chiara e per quanto tu possa essere arrabbiato, prova a sforzarti di vedere il conflitto dal punto di vista dell’altro.

  • Pratica l’ascolto attivo: quando gli altri ti raccontano i loro problemi, cerca di non pensare a come tu potresti sentirti, agire o pensare. Invece, cerca di sentire, agire e pensare come l’altro. Per fare questo, poniti la domanda: “considerando come è lui / lei e la sua circostanza, come si sentirà?”

  • Pensa “CON” invece di “PER” il tuo interlocutore: quando qualcuno ti sta dicendo i suoi problemi o preoccupazioni, prova ad aiutarlo a pensare, a darsi le risposte ai suoi dubbi. Non affrettarti a dare una risposta di consolazione o consiglio magico. Aiuta gli altri a pensare e riflettere.

  • Impara a raccogliere e restituire emozioni all’altra persona: per questo, ci sono formule specifiche come le “parafrasi”. Ad esempio, A: “Sono preoccupato per la malattia di mio padre”, B (parafrasi): “Capisco, la malattia di tuo padre ti preoccupa”). Inoltre se ascolti attentamente puoi aiutare gli altri a vedere le loro incoerenze emotive. Ad esempio: “sei sconvolto perché faresti di tutto per tornare con il tuo partner, tuttavia, mi dici che quando sei con lui senti che ti tratta in malo modo”. Accompagna sempre i tuoi messaggi con un “Capisco”, “Posso prendermi cura di …”, “Suppongo che al tuo posto devi pensare / sentire …”.

Seguendo questi pratici consigli nel tuo quotidiano potrai sviluppare questa capacità e migliorare il tuo rapporto con te stesso e il mondo che ti circonda. Se vuoi continuare a sviluppare le proprietà che ti rendono una miglior persona ti consigliamo di leggere anche: “Autostima bassa? Come imparare a migliorarla“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy