Memoria Debole? Ecco 10 Esercizi Per Rinforzarla
17 giugno 2018
Empatia
Empatia: Imparare a Svilupparla e Come Usarla
17 giugno 2018

Insicurezza: Come Superare le Tue Paure

insicurezza

L’insicurezza è dovuta a sentimenti, pensieri e comportamenti che ci fanno dubitare della nostra capacità di affrontare problemi o decisioni. Scopri come imparare ad avere fiducia in te stesso.

Differenze tra essere una persona sicura o insicura

La sicurezza o l’insicurezza sono caratteristiche della personalità che possono trasformare il peggiore dei tuoi giorni in un vero incubo o in una sfida dalla quale acquisire nuove conoscenze per le occasioni future. Le persone sicure non sono quelle che hanno sempre ragione quando prendono decisioni o risolvono problemi, ma coloro che, a prescindere dal avere torto o ragione, credono nella loro capacità di affrontare qualsiasi situazione e avere successo. Questo è il motivo per cui le persone sicure di sé affrontano più sfide di quelle che non hanno questa qualità e quindi hanno maggiori probabilità di svilupparsi e progredire in varie aree della loro vita.

Le persone insicure, al contrario, finiscono per limitare la loro crescita in diverse aree della loro esistenza, trascinando anche un significativo disagio emotivo (tristezza, ansia, sottovalutazione, autoboicottaggio …). Lontano da ciò che può apparentare la persona sicura di sé, con la sicurezza non nasce, ma è una caratteristica che viene acquisita e sviluppata durante tutta la vita. Pertanto, vogliamo darti una buona notizia: puoi imparare a sentirti al sicuro di te stesso.

Cosa significa non avere fiducia in se stessi

La mancanza di fiducia in se stessi è definita come un complesso emotivo, cognitivo e comportamentale che fa sentire, pensare e comportarsi in modo insicuro, influenzando così l’opinione che ha di se stesso e delle sue capacità. A livello emotivo, la combinazione di paura e sensazione di vulnerabilità rende l’individuo insicuro poco disposto ad affrontare situazioni che comportano incertezza.

Ogni emozione ha uno o più pensieri associati, ed è per questo cognitivamente la persona insicura pensa o si dice cose che spaventano, “Tu non sai/puoi”, “non sei in grado o non sei preparato per”, “gli altri lo fanno meglio di te “, ” è meglio chiedere … “, ” se sbaglio le conseguenze sono orribili” … sono solo alcuni esempi delle parole che la persona insicura si dedica quando a di fronte o si trova impegnato a risolvere problemi, o se deve prendere una decisione importante che riguarda il suo lavoro o la sua famiglia, la sua relazione, un cambio di residenza e così via.

Non sorprenderà quindi che, di fronte a questo scenario, la persona insicura assuma comportamenti per evitare o sfuggire ai problemi. Vale a dire, nega l’esistenza di questi, non li affronta derivando la loro risoluzione agli altri, o finisce per affrontarli con livelli molto alti di ansia. Di fronte a questo insieme di emozioni, pensieri e comportamenti disadattati, la percezione di se stesso si va deteriorando sempre di più, interferendo nelle sue aspettative per risolvere problemi o prendere rischi futuri e, naturalmente, per raggiungere gli obiettivi, avere successo, e anche essere felice.

Cause e conseguenze della mancanza di fiducia in se stessi

Con il sentimento di sicurezza o insicurezza non si nasce, questo si va formando durante le nostre vite. Tuttavia, ci sono alcuni tratti della personalità come l’estroversione (l’interesse per le persone e il mondo esterno), o la ricerca di sensazioni (necessità di provare nuove cose), che aumentano la probabilità di adottare uno stile sicuro; mentre caratteristiche come l’introversione (interesse per il tuo mondo interiore, scarso interesse nel relazionarsi con le persone), nevroticismo (alti livelli di ansia) e dipendenza emotiva (bisogno di avere al lato persone che si considerano più forti), aumentano la probabilità di essere più insicuro.

In ogni caso, la culla del sentimento di insicurezza ha luogo durante l’infanzia e l’adolescenza, tappe fondamentali per lo sviluppo della personalità in cui lo stile educativo e l’ambiente familiare hanno una grande influenza. Le persone non sicure sono state generalmente formate con stili educativi autoritari o eccessivamente protettivi, in cui le decisioni venivano sempre prese unilateralmente da coloro che esercitavano l’autorità, e i comportamenti o i pensieri che uscivano dalla norma venivano criticati o intesi come patologici. L’enorme bisogno del bambino e dell’adolescente di essere accettati dai loro gruppi di riferimento (familiari, colleghi, amici, ecc.) fa sì che seguano le idee degli altri e non formino le proprie opinioni, quindi non possono provare gli effetti della loro sicurezza, e questo interferisce con il loro apprendimento per risolvere i problemi.

In generale, questi comportamenti vengono mantenuti fino all’età adulta, dove l’individuo già autonomo, di fronte al pericolo di dover prendere decisioni, intraprendere nuove sfide, o affrontare situazioni che non si erano mai affrontate prima, decide di ristagnare nella propria zona di comfort in cui si sente sicuro e protetto, perché tutto ciò che accade al suo interno “sa come farlo da solo”. Il comportamento di evitare di affrontare il problema, a breve termine, permette di alleviare il loro disagio quando si tratta di dover lasciare la stesso (ad esempio, decidere di non cambiare lavoro nonostante sia insoddisfatto, non rompere con una relazione che non funziona, non cambiare casa anche se non copre i suoi bisogni …), ma nel medio / lungo termine, non agire mantiene e intensifica il loro senso di insicurezza, perché non sono capaci di sviluppare abilità per affrontare le loro paure e prendere decisioni.

Conseguenze dell’essere insicuri

La mancanza di fiducia in se stessi porta con sé una vasta gamma di emozioni negative che, a loro volta, aumentano solo la sensazione di insicurezza. Tra di loro troviamo l’ansia, la tristezza, la rabbia con se stessi, la colpa e la vergogna. Tutti fanno diminuire sempre di più l’autostima della persona insicura, entrando in un circolo vizioso da cui la persona insicura non riesce ad uscire.

Quando queste emozioni raggiungono un’intensità notevole,persistono troppo a lungo o sono molto frequenti, finiscono per interferire con la vita della persona, portando a problemi psicopatologici come i disturbi d’ansia o sintomi depressivi, tra gli altri. A ciò si aggiungono ile ripercussioni sociali, lavorative e nelle diverse aree della vita della persona insicura, poiché le loro opzioni si limitano e si lascia scappare gente e opportunità interessanti lungo la strada, qualcosa di cui in molti casi sono consapevoli e che aumenta ulteriormente il loro disagio emotivo.

Come superare la tua insicurezza: le chiavi per essere una persona sicura

Se vuoi, oggi potrebbe essere il primo giorno in cui decidi di porre fine alla tua insicurezza emotiva. Sebbene tu non ti riconosca in nessun altro modo, ad essere insicuri si apprende. E ciò che si apprende può essere disimparato, o sviluppare altri apprendimenti che sostituiscano i comportamenti sbagliati. Pertanto, ti daremo le chiavi per attaccare i tre fattori di insicurezza e scoprire come superare le tue paure per poter diventare una persona sicura di sé:

  • Supera le emozioni dell’insicurezza: non rimanere con un semplice “mi sento male” o “sono giú”. Invece, chiediti cosa ti succede esattamente, come chiami ciò che senti. Senti paura, senso di colpa, vergogna, mancanza di motivazione, bassa autostima …? Conoscere le tue emozioni sarà il primo passo per essere in grado di affrontarle, perché la paura non si affronta alla stessa maniera che la colpa. Quindi, chiediti cosa ti spaventa, ti fa sentire in colpa, o ti ha messo in imbarazzo, e valuta se il sentimento è appropriato alla situazione che lo ha provocato. È davvero il caso?

  • Metti via i pensieri negativi: ogni emozione ha un pensiero corrispondente. Scrivi quelle cose tanto scoraggianti che ti dici quando provi le emozioni precedenti, o al momento di prendere una decisione, affrontare una nuova sfida, risolvere un problema e così via. Per facilitare il compito, metti in tre colonne cosa è successo, cosa ne pensi e come ti senti al riguardo. In questo modo sarai in grado di verificare che molte emozioni negative derivano da ciò che stai dicendo a te stesso, e non da ciò che sta realmente accadendo. Ora chiediti se parleresti così ad un amico che deve affrontare la tua stessa situazione. Sono sicuro che non saresti così crudele con lui. Perché allora lo sei con te stesso?

  • Comincia ad affrontare la vita: ciò che credi di te stesso è ampiamente definito da come vedi che ti comporti. Pertanto, il tuo comportamento è fondamentale per avere un buon concetto di te stesso, oltre a sviluppare abilità che ti fanno sentire più sicuro di te stesso. Le persone sicure di sé non sono quelle che hanno una migliore capacità di risolvere i problemi, ma quelle che si affidano maggiormente a questa abilità. Quindi, prova, affronta le tue sfide e non aver paura di commettere errori. È molto raro che, sebbene il risultato non sia quello che ci si aspettava, ti penta di aver agito; le persone si rammaricano più di “cosa potrebbe essere stato, di quello che realmente è stato”. Fallo, anche con paura, ma fallo.

A volte, i sentimenti di insicurezza sono troppo intensi o sono arrivati a interferire in tal modo nella vita di una persona, che si trova in una situazione dalla quale è molto difficile uscire. Se questo è il tuo caso, non esitare a chiedere un aiuto specializzato in modo che uno psicologo possa insegnarti tecniche e strategie che ti permettano di affrontare la tua insicurezza. I trattamenti cognitivo-comportamentali sono interventi la cui efficacia è scientificamente provata e che ti possono aiutare a superare questo problema.

Se ti riconosci in una persona poco sicura potrebbe interessarti anche questo articolo: “Autostima bassa? Come imparare a migliorarla“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy