L’interazione dell’emisfero celebrale destro e sinistro

La musica
La Musica e la sua Magia
13 ottobre 2015
Rilassamento
Rilassamento di mente e corpo attraverso musica e suono
26 ottobre 2015

L’interazione dell’emisfero celebrale destro e sinistro

Emiferi del cervello

Immaginiamo che il nostro cervello sia una sfera divisa in due metà come una bella e polposa mela tagliata in due parti uguali. L’emisfero destro e l’emisfero sinistro. Questi due emisferi cerebrali hanno funzioni diverse. Una parte possiede alcune abilità. L’altra ne possiede delle altre a volte completamente diverse.

L’emisfero sinistro è il centro del linguaggio della parte razionale ed analitica e logica. Tende ad occuparsi di logica,calcoli,processi passo per passo, ragionamento. In questa parte del cervello vi è una sorta di vocabolario che apriamo quando dobbiamo cercare le parole giuste per parlare.

Qui risiedono le idee che man mano che cresciamo si amplificano e diventano sempre più specifiche. Selezioniamo le informazioni le comprendiamo sempre più nei dettagli colleghiamo le idee fra loro e andiamo a pescare nella memoria i concetti che ci servono.

Quando gli studiosi vogliono evidenziare l’attività elettrica dell’emisfero sinistro ci chiedono di contare. Inoltre per fornire ancora un’immagine più dettagliata possiamo aggiungere che il lato sinistro del cervello fa le seguenti funzioni.

1. Acquisisce le informazioni in modo sequenziale
2. Comprende e preferisce un approccio passo per passo
3. Ama il linguaggio,mettendo molta enfasi sulle parole
4. Tratta esaurientemente ogni aspetto
5. Tende a essere consapevole del tempo
6. Si pone degli obiettivi e li persegue
7. Esegue revisioni
8. Spesso analizzerà eccessivamente le informazioni
9. Può diventare chiuso o ostinato.

Emiferi del cervello

 

L’emisfero destro è legato alla creatività all’istintualità e alle pulsioni e passioni. Tende ad occuparsi di creatività ,intuizioni, perspicacia. E’ questo quindi l’emisfero che ha più a che fare con le sensazioni con il benessere e malessere fisico e psichici dell’uomo. Il lato destro del cervello fa le seguenti funzioni:

1. Preferisce fare tutto in una volta
2. Vede il quadro generale
3. Usa l’istinto e vi si affida
4. Si annia quando ci sono troppi dettagli
5. Non si preoccupa del tempo
6. Preferisce lavorare con immagini e figure
7. Preferisce obiettivi generali piuttosto che specifici
8. “Sogna ad occhi aperti” o sembra vaneggiare
9. È molto consapevole della percezione spaziale.

Potremmo dire che l’uomo “senta”con l’emisfero destro e “pensi” con l’emisfero sinistro.

Emisfero destro e sinistro sono due realtà collegate fra di loro (la struttura a ponte fra i due prende il nome di corpo calloso). Ciascuna parte conosce ciò che fa l’altro e viceversa. Capacità logica dell’emisfero sinistro e capacità diciamo affettivo creativa di quello destro sono in costante comunicazione.

L’emisfero destro “prova “affetto o attrazione o amore verso una persona e l’emisfero sinistro la esprime con parole. Se l’emozione è troppo forte e restiamo senza parole è l’emisfero destro che occupa la scena.

Se ci venisse in mente di spiegare quello che proviamo a parole sarebbe allora il sinistro a darci una mano. E’ questo infatti guidato dall’emisfero destro con le sue emozioni che prende carta e penna e scrive magari una lettera.
In questo caso l’emisfero destro(che ha espresso le sensazioni) e l’emisfero sinistro (che le ha espresse con il linguaggio hanno lavorato assieme come se le informazioni passassero da destra a sinistra e viceversa.

L‘emisfero destro “vede” paesaggi immagini e “prova sensazioni mentre il sinistro è più freddo e ragiona di più. Il calore , l’emozione il “cuore” stanno a destra come il “freddo” la logica, il ragionamento e il calcolo stanno a sinistra. Un emisfero si è specializzato nel “sentire”e nel guidarci con l’emozione l’altro nel “pensare” e nel “razionalizzare” in modo asettico.

Dobbiamo fare a scuola una operazione matematica? In questo caso lavora solo l’emisfero sinistro, non “proviamo”nulla di particolare semplicemente eseguiamo il calcolo.

Stiamo sognando a occhi aperti ed immaginando le cose più fantasiose ? In questo caso lavora solo l’emisfero destro. Non dobbiamo razionalizzare nulla solo “volare” con la fantasia.

I due emisferi possono collaborare e questa è secondo me la situazione migliore e da augurarsi per migliaia di situazioni quotidiane. Se la logica vuole una cosa e l’emozione desidera la stessa siamo a cavallo.
Vogliamo laurearci? Occorre studiare e quindi attivare memoria, concentrazione e logica per apprendere i concetti. Ci vuole il sinistro! Ma questo non è sufficiente. Sono necessarie anche passione, grinta energia e costanza e in questo è il destro che ci aiuta con la sua carica di entusiasmo e la sua creatività.

Altri fattori importanti di cui bisogna essere consapevoli è che:
• Il lato sinistro del cervello controlla il lato destro del corpo
• Il lato destro del cervello controlla il lato sinistro del corpo

Per l’allenamento è importante progettare attività che utilizzano entrambe i lati del cervello. Questo non solo assicura che ci sia qualcosa che interessi a tutti ma anche che possano svilupparsi delle abilità fondamentali.

Molti sportivi tendono a sviluppare routine comode che diventano riflessi condizionati. In altre parole data una particolare situazione sono propensi a reagire sempre in un determinato modo. Ciò non è affatto sbagliato ma può anche comportare delle limitazioni poichè implica che la reazione sia prevedibile.

Io vedo l’emisfero destro come una specie di sole all’alba, rosso ,caldo ,pieno di energia che ravviva,che accende che rinforza. Una sorta di palla di fuoco che bolle al centro della terra come al centro del nostro cuore.

Vedo l’emisfero sinistro freddo e duro come la terra su cui camminiamo come l’armatura d’acciaio dura e rigida resistente e impenetrabile.

Nel mio lavoro cerco di utilizzare entrambe le caratteristiche dei due emisferi. Durante le mie lezione cerco di fare utilizzare l’emisfero destro come il centro del piacere e quello sinistro come il centro del dovere
Ricerco così un equilibrio fra le due parti e talvolta ricerco l’utilizzo anche solo parziale di una sola delle due parti.

Talvolta trovo utile portare le persone all’accoglienza e alla comprensione di eventi e situazioni su di un piano emotivo e passionale e talvolta trovo utile portare le persone verso la competizione,verso la lotta nell’affrontare le situazioni di petto risolvendole sul piano pratico usando strategie logico razionali apparentemente prive di emozioni.

Ci sono persone che ragionano con equilibrio , molte che prediligono l’emisfero sinistro che si fanno guidare dalla ragione e dalla fredda logica e molte che invece si spingono verso la creatività e ricorrono alla fantasia e immaginazione per stare bene ed andare avanti.

Personalmente cerco ogni giorno di alternare il lavoro sugli emisferi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *