Empatia
Empatia: Imparare a Svilupparla e Come Usarla
17 giugno 2018
fobia sociale
Fobia Sociale: Che cos’è e come superarla
27 giugno 2018

Quando il viso è lo specchio delle emozioni

Linguaggio corporale

Sicuramente conosci persone che, nonostante non siano particolarmente sgradevoli o spiacevoli, solo a guardarle in viso generano sfiducia. Non sapresti dire cosa sia concretamente, ma emanano un’aura che ti fa non aver voglia di condividere con loro le tue vere emozioni.

Questo è dovuto molte volte dal fatto che c’è una contraddizione tra la loro comunicazione verbale e il loro linguaggio corporale. È possibile che anche tu stesso stia generando questa contraddizione senza saperlo!

Altre persone, d’altra parte, irradiano un grande carisma senza essere particolarmente loquaci. La loro espressione corporale è allineata con il loro linguaggio verbale e trasmette sicurezza e calore.

Il questo articolo ci concentreremo soprattutto su ciò che, a livello di linguaggio corporale, esprime inconsciamente il nostro viso, in modo che tu possa leggere meglio gli altri e correggere gli eventuali errori che potresti commettere.

Significato dei gesti del viso

Il viso è la lente d’ingrandimento delle emozioni, per questo si dice che sia il riflesso dell’anima. Ma come in ogni interpretazione del linguaggio non verbale, devi stare attento a non valutare i gesti del viso separatamente dal contesto poiché di solito sono parte di uno stato emotivo globale e possono portare a varie interpretazioni.

È vero che quando un bambino vede qualcosa che non gli piace, si copre gli occhi nel tentativo di farlo sparire dalla sua realtà? O di copre la bocca dopo aver detto una bugia?

linguaggio viso bimboBene,nonostante negli adulti l’intensità di questi gesti sia molto più lieve, fino a un certo punto restiamo ancora legati a questo comportamento primitivo. E questo dà molti indizi, perché nella faccia si possono ancora scoprire molti tentativi inconsci di bloccare ciò che diciamo, ascoltiamo o vediamo.

In generale, mettersi le mani sul viso, è il prodotto di qualche pensiero negativo come l’insicurezza o la sfiducia. Qui hai diversi esempi concreti.

  • Coprirsi o toccarsi la bocca: se fatto mentre si parla può significare un tentativo di nascondere qualcosa. Se fatto mentre si ascolta, può essere un segno che quella persona crede che gli stiamo occultando qualcosa.
  • Toccarsi l’orecchio: è la rappresentazione inconscia del desiderio di bloccare le parole che si ascoltano. Se il tuo interlocutore lo fa mentre stai parlando, potrebbe voler dire che vuole che smetti di parlare.
  • Toccarsi il naso: potrebbe indicare che qualcuno sta mentendo. Quando menti, nel tuo organismo vengono rilasciate catecolamine, sostanze che infiammano il tessuto interno del naso e possono causare prurito. Succede anche quando qualcuno si arrabbia o si infastidisce.
  • Sfregarsi un occhio: è un tentativo di bloccare ciò che vedi in modo da non dover guardare il viso della persona a cui stai mentendo. Fai attenzione alle persone che si toccano molto il naso e si stropicciano gli occhi quando parlano con te.
  • Grattarsi il collo: é segno di incertezza o dubbio su ciò che stai dicendo.
  • Portarsi un dito o qualcosa alla bocca: significa insicurezza o bisogno di calmarsi, in un’espressione inconscia di voler tornare alla sicurezza materna.

Anche lo sguardo parla

La comunicazione attraverso lo sguardo ha molto a che fare con la dilatazione o contrazione della pupilla, che reagisce agli stati interni che sperimentiamo. Per questo motivo, gli occhi chiari sono in genere più attraenti degli occhi scuri: perché consentono di mostrare più chiaramente la dilatazione della pupilla, una risposta associata a emozioni positive.

pupille dilatate

Quando parli di solito mantieni il contatto visivo tra il 40 e il 60% delle volte. Questo perché il tuo cervello è impegnato a cercare di accedere alle informazioni e, a proposito di questo, il NLP (Neuro Language Processing) detta che a seconda del tipo di informazioni che stai cercando di recuperare guarderai verso un lato piuttosto che l’altro, anche se sono stati fatti degli studi che hanno dimostrato che questo non sia completamente certo.

In determinate situazioni sociali, la mancanza di contatto visivo può essere interpretata come nervosismo o timidezza, quindi semplicemente facendo una pausa prima di rispondere otterrai il tempo necessario per accedere alle informazioni senza dover distogliere lo sguardo.

Guardare direttamente negli occhi quando fai una richiesta è utile anche per aumentare la tua persuasività. Ma esistono anche altre funzioni dello sguardo:

  • Variare le dimensioni delle pupille: non può essere controllato, ma la presenza di pupille dilatate di solito significa che stai vedendo qualcosa che piace, mentre le pupille contratte esprimono ostilità. In ogni caso, sono variazioni molto sottili che sono spesso mascherate da cambiamenti ambientali nell’intensità della luce. È stato anche scoperto che i neuroni specchio sono i responsabili del fatto che la dimensione delle nostre pupille si adatti a quella del nostro interlocutore, nel tentativo di sincronizzare il linguaggio del corpo per generare una maggiore connessione.
  • Sollevare le sopracciglia: è un saluto sociale che implica assenza di paura e piacere. Fallo davanti alle persone a cui vuoi piacere.
  • Abbassare la testa e alzare lo sguardo: nel sesso femminile viene considerata una posizione che trasmette sensualità per attirare gli uomini. In realtà, molte immagini di profilo di donne sui siti di appuntamenti online sono prese proprio dall’alto per accentuare questo aspetto oltre che, ovviamente, con l’intenzione aggiuntiva di mostrare il décolleté. Negli uomini è il contrario: immagini riprese dal basso per sembrare più alti e dominanti.
  • Sostenere lo sguardo: nel caso delle donne, stabilire un contatto visivo per 2 o 3 secondi e poi guardare in basso può essere un indicatore di interesse sessuale.
  • Sbattere le palpebre ripetutamente: è un altro modo per cercare di bloccare la visione della persona di fronte a te, sia per disinteresse che per la sfiducia.
  • Guardare di lato: è un altro modo per esprimere disinteresse, perché inconsciamente stai cercando vie di fuga.

Imparare a rilevare le incoerenze tra il linguaggio verbale e quello del corpo può essere molto utile. Ciò che il corpo indica è solitamente molto affidabile, dal momento che gli esseri umani non sono in grado di controllare tutti i segnali che sta trasmettendo.

Ti consiglio di praticare i gesti positivi e aperti che ho descritto qui per migliorare la tua fiducia in te stesso. E se vuoi maggiori informazioni sul linguaggio del corpo, ti consiglio di dare un’occhiata al seguente articolo:

Il linguaggio del corpo non mente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Policy